Una delle tre colonne portanti del sistema difensivo della città di Portoferraio

DovePortoferraio - Centro Storico
Come arrivarePartendo dalla Palazzina dei Mulini, dirigetevi verso sinistra prendendo via del Falcone e proseguite fino a trovare sulla destra un sentiero tortuoso che conduce all'entrata del Forte.
Orari 2016Dal 13.06 al 13.09
10.00 - 20.00
Dal 02.04 al 12.06 e dal 14.09 al 02.11
​10.00 - 16.40
Prezzi€ 5,00 / € 3,00 ridotto / € 7,00 cumulativo
Portoferraio Card Al costo di € 10,00 permette la visita complessiva dei seguenti siti culturali del Comune di Portoferraio: Museo della Linguella, Fortezze e Forte Falcone, Teatro dei Vigilanti e Villa Romana delle Grotte

Forte Falcone, con i suoi 2360 mq., rappresenta insieme al Forte Stella e alla Torre della Linguella, una delle tre "colonne portanti" del sistema difensivo della città di Cosmopoli (nome dato da Cosimo I a Portoferraio). Ideato da Giovan Battista Belluci di San Marino e in seguito diretto nella realizzazione da Giovanni Camerini, fu eretto nel 1548.

Posto sulla collina più alta di Portoferraio (79 m s.l.m.) si giunge al Forte attraverso una strada tortuosa che parte da Via della Regina e porta fino all'ingresso preceduto da un avancorpo del 1700. Sopra il maestoso portone di legno completamente restaurato, è posta una lapide in marmo analoga a quella che si ritrova sulla Porta a Mare e sul Forte Stella che ricorda la fondazione di Cosmopoli ad opera del Granduca Cosimo I.

Varcato il portone, che un tempo era protetto da un ponte levatoio, si entra in una volta a botte da dove partono i corridoi interni che, costeggiando il fossato, costituivano originalmente il nucleo difensivo del Forte. Percorrendo una breve salita, si giunge sui bastioni che proteggono il lato di terra del Forte. Sulla sinistra è affissa una lapide che ricorda la prigionia del politico e scrittore Francesco Domenico Guerrazzi, avvenuta nel 1848, e sotto il piano di calpestio è conservata una grande cisterna (tutt'ora attiva), dove confluivano le acque piovane e che garantiva un sicuro approvvigionamento in  caso di assedio.

Seguendo i camminamenti che costeggiano il perimetro del forte, si giunge al fronte di mare dove la scogliera a picco costituisce una difesa naturale e insormontabile. Il terrapieno raggiungibile da una piccola scala sulla sinistra è circondato da archi e locali con volta a botte o crociera usati un tempo come piccoli magazzini o prigioni. Sulla destra un tunnel, oggi chiuso, porta a un camminamento che arriva fino alla Spiaggia delle Ghiaie.

Delle quattro garitte che scandivano gli angoli del Forte sono rimaste solo due: quella a nord-est con ben conservata la croce dei Lorena, e quella a sud-ovest, ricostruita nel dopoguerra. Il fabbricato centrale del forte fu costruito per la Marina Militare negli anni quaranta del novecento.

Oggi oggetto di restauro, verrà presto restituito alla città di Portoferraio come luogo di incontro, feste ed eventi.

Infoelba Consiglia: Giunti sul Forte Falcone, guardate da ogni finestra, garitta e feritoia. Scoprirete scorci unici e bellissimi che, incorniciati dal sasso vivo o dall'intonaco rosa, vi daranno l'inquadratura perfetta per cartoline senza uguali.

Richiedi un preventivo gratuito

Forte Falcone