Unica testimonianza in stile liberty dell'Elba

Il Mausoleo Tonietti si trova a Cavo, nel comune di Rio Marina sul monte Lentisco in una posizione isolata e panoramica. Si può raggiungere facilmente dal paese di Cavo con un'escursione di circa trenta minuti.

Fu progettato intorno al 1900 dall'architetto fiorentino Adolfo Coppedè per la famiglia Tonietti.

La costruzione fu voluta da Ugo Ubaldo Tonietti, figlio di Giuseppe, che nel 1888 aveva ricevuto l'appalto per la gestione delle miniere dell'Isola d'Elba e a cui era subentrato in seguito alla morte del padre. La direzione delle miniere era affidata invece a Pilade del Buono.

All'epoca la società fondata da Tonietti e del Buono non solo era stata creata per gestire il minerale isolano, ma puntava alla costruzione di un'industria siderurgica all'Isola d'Elba. Il 29 luglio, aggiudicandosi anche l'appalto del 1897, Ugo Ubaldo fondò con il socio “L'Elba società anonima di miniere e altiforni”.

È in questo periodo di ascesa che Tonietti volle far costruire il Mausoleo in ricordo del padre Giuseppe e come tomba di famiglia privata. Il mausoleo non sarà mai destinato a luogo di sepoltura della famiglia, in quanto non gli è mai stata assegnata la concessione cimiteriale.

Il Mausoleo è un'imponente torrione a pianta quadrata slanciato in verticale, preceduto da una scalinata marmorea. Questa sua particolare struttura suggerisce un richiamo al mondo navale, in particolare alla forma di un faro.

Realizzando questo monumento Coppedè fece valere non solo la sua esperienza di architetto, ma anche di decoratore. Ed è soprattutto dall'esterno che si apprezzano queste decorazioni in stile liberty.

All'ingresso del Mausoleo, sopra la scritta “Famiglia Tonietti” è raffigurata una civetta intenta a spiccare il volo ad ali spiegate.

Al lati dell'ingresso, a guardia della porta e del vecchio cancello in ferro battuto, vi è un doppio ordine di colonne arricchite da teste di leone. Motivi decorativi di ispirazione romano-imperiale sono le grandi prue rosastre messe sui due prospetti laterali e le minacciose protome sulle cantonate del primo piano.

Il secondo piano è caratterizzato da un largo inserto marmoreo su cui sono ritagliati gli oblò per l'illuminazione dell'interno, originariamente chiusi da vetrate colorate, e su cui sono posti stemmi con simboli marinari.

Culminante la struttura è una coppa a ricalcare, come detto in precedenza, la forma di un'antica lanterna di un faro.

L'ambiente purtroppo è abbastanza compromesso e devastato da graffiti e scritte. All'interno più nulla è rimasto della configurazione originaria.

In cattivo stato risulta anche la scaletta a chiocciola in ghisa elevata fino alla terrazza superiore. Salendo al primo piano pare di trovarsi in una torretta di avvistamento, dai 4 oblò infatti si ha un bel colpo d'occhio sul panorama circostante: la costa tirrenica e l'isola dei topi.

Per accedere all'ultimo terrazzo si utilizzava un'ardita scala a chiocciola in ferro battuto ormai pericolante.

Foto Giovanni Mirgovi


 

Richiedi un preventivo gratuito

Mausoleo Tonietti