Il processo di ottenimento della CETS

La Carta Europea per il Turismo Sostenibile nelle Aree Protette (CETS), è una certificazione per la tutela della natura, lo sviluppo del territorio e il dialogo tra parchi, imprese locali e tour operator.

L'elemento centrale della Carta è la collaborazione tra tutte le parti interessate: se infatti l’Ente Parco è il promotore del processo di attuazione dei principi del turismo sostenibile contenuti nella Carta, la realizzazione richiede anche il sostegno delle imprese turistiche.

La Carta impegna i firmatari ad attuare una strategia a livello locale in favore di un “turismo durevole” attraverso l'assunzione di impegni reciproci tra Parco e imprese turistiche; gli obiettivi fondamentali sono:

  • Aumentare la conoscenza e il sostegno per le aree protette europee come parte fondamentale del nostro patrimonio, da preservare per la fruizione delle generazioni attuali e future.
  • Migliorare lo sviluppo sostenibile e la gestione del turismo nelle aree protette, rispettando i bisogni dell'ambiente, dei residenti, delle imprese locali e dei visitatori.

I 10 principi enunciati dalla Carta Europea Turismo Sostenibile fanno riferimento a determinate azioni che devono essere promosse dal Parco e dagli altri soggetti del processo:

1. Lavorare in partnership: coinvolgere coloro che sono implicati nel settore turistico dell'area protetta, per il suo sviluppo e la sua gestione.
2. Elaborare e realizzare una strategia.
3. Tutelare e migliorare il patrimonio naturale e culturale dell'area attraverso il turismo ma al tempo stesso proteggendo l'area da uno sviluppo turistico inappropriato.
4. Garantire ai visitatori un elevato livello di qualità in tutte le fasi della loro visita predisponendo anche iniziative di verifica e analisi di soddisfazione dei visitatori.
5. Comunicare efficacemente ai visitatori le caratteristiche proprie ed uniche dell'area.
6. Prodotti turistici specifici locali: Incoraggiare un turismo legato a specifici prodotti che aiutino a conoscere e scoprire il territorio locale.
7. Migliorare la conoscenza dell'area protetta e gli aspetti di sostenibilità tra tutti gli attori coinvolti nel settore turistico.
8. Assicurare che il sostegno al turismo non comporti costi per la qualità della vita delle comunità locali residenti.
9. Accrescere i benefici per l'economia locale provenienti dal turismo.
10. Monitorare i flussi di visitatori indirizzandoli verso una riduzione degli impatti negativi.

La procedura per l'ottenimento della Carta è suddivisa in tre fasi:
I. Certificazione per l'area protetta
II. Certificazione per imprese turistiche locali
III. Certificazione per i tour operator

Per ottenere la certificazione per l'area protetta (fase I) è necessario:
1) Presentare la candidatura a Europarc Federation che, con il supporto delle sezioni nazionali (in Italia Federparchi – Europarc Italia), gestisce la procedura di conferimento della Carta e coordina la rete delle aree certificate.
2) Creare e gestire dei Forum (tavoli di lavoro) insieme ai partner con cui il Parco collabora per l'ottenimento della Carta.
3) Realizzare un Rapporto Diagnostico al fine di ottenere una migliore conoscenza del territorio su elementi naturalistici, turistici, aspetti sociali ed economici.
4) Elaborare con il Forum una strategia e un piano di azione quinquennale.
5) Ottenere la valutazione positiva da Europarc Federation sul processo in atto e sul Piano di Azione, che deve essere messo in pratica da tutti gli attori che si sono impegnati nel processo di ottenimento della carta.

Dal momento in cui il Parco ottiene il riconoscimento di Charter Park, esso è tenuto a mettere in pratica il Piano di Azione, monitorare continuamente i risultati conseguiti e trasmetterli alla Commissione europea di valutazione.

La Carta ha validità cinque anni, rinnovabile.

Le aree protette che hanno ottenuto la Carta possono, a loro volta, decidere di realizzare la FASE II e III della Carta, andando al di là del semplice coinvolgimento delle imprese turistiche, ma permettendo loro di ricevere riconoscimenti individuali come firmatari della Carta.

Attualmente il Parco Nazionale Arcipelago Toscano ha attivato il processo per l'ottenimento della Carta Europea per il Turismo Sostenibile (fase I) ed è in attesa di valutazione da parte della Europac Federation. Per maggiori approfondimenti sulle fasi del processo di ottenimento della CETS da parte del Parco Nazionale Arcipelago Toscano clicca qui.

Richiedi un preventivo gratuito