Portoferraio: il capoluogo dell'Isola d'Elba

Portoferraio
FrazioniAcquaviva, Biodola, Magazzini, Montecristo (isola), San Giovanni, San Martino, Santo Stefano, Scaglieri, Schiopparello, Valle di Lazzaro, Viticcio, Volterraio
Superficie47,46 km²
Abitanti11.671
Altitudine4 m s.l.m.
CAP57037
Prefisso telefonico0565

Capoluogo e principale porto dell'isola, conta poco meno di 12.000 abitanti. Città dalle origini antichissime, conosciuta come Porto Argo nelle narrazioni mitologiche, i suoi ricchi giacimenti minerari furono sfruttati prima dai greci, poi dai romani che la denominarono Fabricia.

A distanza di quattro secoli dalla sua fondazione Portoferraio conserva ancora l'antico fascino rinascimentale. Le possenti mura fatte edificare nel 500 da Cosimo I° de' Medici, Granduca di Toscana, che ribattezzò la nuova città fortezza "Cosmopoli", rappresentano un'opera di alta ingegneria e straordinaria bellezza architettonica.

Chi arriva con il traghetto difficilmente rimane impassibile alla particolare bellezza offerta dalla darsena, all'imbocco del porto considerato il più sicuro al mondo persino dall'ammiraglio Nelson, si trova la Torre del Martello appartenente alla fortezza della Linguella, denominata anche Torre di Passanante, dopo che, nel periodo in cui il nucleo fortificato fu adibito a bagno penale, vi fu rinchiuso l'attentatore che ferì il Re Umberto I, dal quale appunto prese il nome.

All'interno del complesso della Linguella si può visitare anche un interessante museo archeologico, dove sono esposte anfore e reperti risalenti all'epoca etrusca.

Sopra il centro storico si trova il Forte Stella, così chiamato per la caratteristica forma stellare delle sue mura, realizzato nel 1548 su progetto di Camerini, ospita uno dei più antichi fari d'Europa, innalzato dal granduca Leopoldo di Lorena nel 1788.

Qui, oltre che godere di un'ottima posizione panoramica della darsena di Portoferraio, si può ammirare dall'alto la Villa dei Mulini, residenza invernale dell'imperatore francese Napoleone Bonaparte. Il 3 maggio 1814 sbarcò a Portoferraio per prendere possesso del piccolo regno che, con il trattato di Fontainebleau, gli era stato assegnato in cambio della sua abdicazione.

Nonostante il suo breve periodo d'esilio trascorso sull'isola, (restò nell'isola solo 10 mesi) Napoleone ha lasciato all'Elba un notevole patrimonio culturale e storico.

Oltre alle opere conservate nella Villa dei Mulini, in quella di San Martino e al museo Demidoff, dove si possono ammirare pregevoli arredi, opere d'arte di gran valore, fregi imperiali nonché la straordinaria raccolta di oltre mille volumi proveniente direttamente da Fontainebleau e la bandiera con le tre api d'oro, simbolo dell'operosità degli elbani, Napoleone realizzò importanti opere tra cui un teatro e alcune delle principali arterie dell'Elba.

Il Forte Falcone, situato nel punto più alto della città, con i suoi bastioni, rappresenta senza dubbio la fortificazione medicea più possente esistente sull'isola. A dimostrazione della sua capacità difensiva, seppe resistere agli innumerevoli attacchi dei saraceni, al contrario delle fortezze di Capoliveri, Rio e Marciana più volte devastate dalle sanguinose incursioni dei pirati.

Visitando il centro storico di Portoferraio, cuore dell'antica Cosmopoli, si possono scoprire, oltre che ad alcuni interessanti monumenti storici e luoghi sacri, strette e tortuose stradine a scalinata che si aprono a piazzette panoramiche, vecchie case con balconi fioriti e suggestivi angoli dove si possono incontrare personaggi locali pronti a raccontare aneddoti e curiosità sulla vita dell'isola.

Di fronte alla darsena di Portoferraio sul promontorio delle Grotte, gli scavi hanno riportato alla luce i ruderi di una grande villa romana. Qui si possono ammirare parti di decorazioni e mosaici di età adrianea. Rimasero coperti dai rovi fino al 1960 quando un lavoro di scavi portò alla luce il grande complesso con muri in opus reticulatum, grandi terrazze che si affacciano sul mare e una piscina fornita di un sistema di riscaldamento e di depurazione dell'acqua.

Poco distante in località Magazzini si trova Santo Stefano alle Trane, originale per le sue particolari forme architettoniche è sicuramente una delle più affascinanti chiese di epoca romanico pisana esistenti sull'isola.

Curiosità: Il 29 aprile di ogni anno Portoferraio è in festa per celebrare il Santo Patrono San Cristino.
Il 15 agosto inoltre vengono organizzati festeggiamenti per il compleanno di Napoleone con balli, concerti e spettacolo pirotecnico.
Per scoprire gli eventi in programma visitate il sito www.elbaeventi.it

Bagnaia

Bagnaia, direttamente sul mare all’estremità del golfo di Portoferraio, ricade per metà nel Comune di Portoferraio e metà nel Comune di Rio nell'Elba.

Continua a leggere

Dove dormire vicino a Portoferraio

Stai cercando una sistemazione per le tue vacanze a Portoferraio? Visita questa pagina per vedere tutti gli alloggi disponibili nei dintorni di Portoferraio.

Legenda dei punti di interesse

Chiese e santuari
Forti e fortezze
Luoghi storici
Musei

Gruppo di punti di interesse: aumenta lo zoom per scoprirli (l'icona può variare nel colore e nelle dimensioni).

22 luoghi da visitare visualizzati sulla mappa
La mappa è già impostata ad un livello di zoom che consente la visualizzazione di tutti i punti di interesse che contiene.