Suggerimenti di immersioni a diversi livelli di preparazione

Per gli amanti della subacquea, l'Isola d'Elba rappresenta senza alcun dubbio un perfetto binomio vacanze-immersioni.

I suoi fondali sono in grado di regalare emozioni a non finire: secche, franate, grotte, relitti e pareti che sprofondano a picco nel blu, ospitano una miriade di forme di vita tra cui gorgonie rosse, coralli, nudibranchi e aragoste.

All’Isola d’Elba sono presenti tantissimi punti di immersione ed è possibile immergersi qualsiasi tempo faccia, perché si trova sempre un punto a ridosso dal vento.

Di seguito alcune itinerari subacquei che meritano di essere visitati e che non si faranno dimenticare tanto facilmente.

Franata delle cernie - Scoglietto

Fare subacquea allo Scoglietto significa immergersi in un'area protetta che ospita quasi tutta la fauna e la flora marina del Mediterraneo.

I Grottoni - Scoglietto

Durante un’immersione ai Grottoni dello Scoglietto, è possibile osservare le volte delle grotte ricoperte da spugne gialle e all’interno aragoste e nudibranchi.

Statua del Cristo - Scoglietto

A meno cinquanta metri dal livello del mare si potrà ammirare una parete ricoperta di bellissimi rami di gorgogne rosse.

Secca di Santa Lucia

La Secca di Santa Lucia è costituita da tre formazioni rocciose di diversa grandezza, tutte da esplorare.

Scoglio della Nave (Capo Enfola)

Lo scoglio della Nave ospita solitamente dentici, saraghi, spirografi, pinne nobilis, cerniotte, murene, gorgonie gialle e margherite.

Secca del Semaforo

Vi si potranno ammirare bellissime gorgonie rosse, spugne, aragoste e tanto pesce di passo.

Punta della Madonna

Parete che scende fino a 37 metri, lungo la quale tra le spaccature si nascondono, aragoste, gronghi e murene, particolarmente ricca di vita bentonica.

Formiche della Zanca

Un costone di roccia che scende oltre 40 metri, dove spesso si incontrano cernie, saraghi, ricciole e palamite, oltre a delle splendide gorgonie rosse.

Il relitto dell'Elviscot

Il relitto dell'Elviscot si trova nelle vicinanze dello Scoglio dell'Ogliera a Pomonte, Isola d'Elba, ed è tutto da esplorare.

Relitto del Santa Rita

Affondata nel 1946, a causa dell'urto con una mina sfuggita probabilmente allo sminamento postbellico.

Punta di Fetovaia

Franata di massi, habitat ideale per numerosi pesci tra cui cerniotte, saraghi, occhiate e salpe.

Secca di Fetovaia

Una parete che sprofonda nel blu dove possiamo trovare tane e fenditure usate come rifugio da polpi, gronghi e scorfani.

Secca di Capo Poro

Data la profondità alla quale si arriva, questa immersione è consigliata solo a subacquei esperti.

Scoglio della Triglia

Lo scoglio della Triglia è famoso per la statua della Madonna posta dai pescatori attorno al 1970.

Secca di capo Fonza

La secca si trova all'incirca a un centinaio di metri dalla costa di Capo Fonza (Campo nell’Elba).

Coralline di fuori

Secca con cappello scende fino a 45 m. Lungo la parete che termina con una grotta si trovano gorgonie rosse, nudibranchi, spirografi e rametti di corallo rosso.

Isolotto della Corbella

Si divide in due parti, quella a sud dove si trovano corallo rosso, cernie, murene, gorgonie rosse e gialle, e quella a nord, adatta ai più esperti.

Scoglio che bara

Sul fondale giace il relitto di una piccola imbarcazione di legno a motore.

Punta Morcone

Situata davanti alla punta dalla quale prende il nome, l'immersione parte da un cappello a - 3 m, fino a raggiungere i - 40 m.

Punta della Focacciola

Nella parte est della secca è stato collocato un monumento a Jacques Mayol, il primo uomo a scendere in apnea a - 100 metri.

L'isolotto dei Corbelli

Non è raro incontrare dentici, pesci luna o barracuda all'isolotto dei Corbelli, a Capoliveri, vicino alla spiaggia dell'Innamorata.

Scoglio del Remaiolo

In questo sito è possibile fare due tipi di immersioni: una è quella di girare intorno allo scoglio, l'altra è seguire la cigliata che scende fino a -55 m.

I Ripalti

Le belle pareti della secca e la possibilità di vedere cernie di considerevoli dimensioni, sono le principali caratteristiche di questa immersione.

Punta Galera

Una lingua di roccia che partendo dalla costa si dirige verso sud-est, con un cappello tra i 7 e i 10 metri che cade su di un fondale di 25 metri.immersioni, su

Punta le Forbici

L'immersione si trova tra Punta Galera e Punta Bianca, proprio sotto la vecchia miniera del Ginevro.

Picchi di Pablo

Il nome dell’immersione deriva da due pinnacoli di roccia che dominano una parete verticale che termina a circa 35 m sul fondale sabbioso.

Capo Calvo – Sassi Neri

Grossi massi ricoperti da un incantevole giardino di bellissime gorgonie rosse e ventagli di paramuricee.

Punta Nera - Relitto aereo

Un’immersione molto facile e breve, ma trattandosi di un relitto sempre suggestiva.

Punta delle Cannelle

Affascinanti grotte in cui si possono ammirare gorgonie rosse e gialle, spugne, cernie, saraghi e corvine.

Cerboli

Vista la posizione in cui si trova l’isolotto di Cerboli, si tratta di un’ immersione per subacquei con una certa esperienza.

Secca del Frate – Palmaiola

Essendo l'immersione nel mezzo del canale di Piombino, la corrente spesso è molto forte, per cui si deve fare molta attenzione.

Ancorone di Capo Vita

L'immersione è consigliata a subacquei con una certa esperienza, inoltre essendo molto lunga, è necessario programmare bene il tempo di fondo.

Secca di Capo Vita

Gioco di grotte e cunicoli ricoperti da spugne multicolori e parazoanthus fanno di questa immersione il divertimento per chi è amante della fotografia.

Relitto della Bettolina

L'immersione è adatta a subacquei tecnici, con esperienza di immersione su relitti profondi.
Richiedi un preventivo gratuito