Pesca sportiva dilettantistica nelle acque dell'Elba

La pesca sportiva dilettantistica nelle acque cristalline del mare dell'Isola d'Elba è davvero molto apprezzata, sia dai principianti, che grazie ai fondali ricchi di pesce possono catturare prede di ogni specie, ma anche dal pescatore esperto che da sempre ama l'Elba ed il suo ricco fondale.

Le regole della Capitaneria di Porto sono sotto riportate. Vi ricordiamo che non è possibile pescare in tutte le zone portuali, e nelle acque antistanti le spiagge de Le Ghiaie e de Le Viste, essendo queste ultime parte della zona di tutela biologica dello Scoglietto.

Pesca sportiva all'Elba

Art. 5 Esercizio della pesca

  1. L'esercizio di qualsiasi tipo di pesca, diversa dalla pesca subacquea regolamentata al punto 2., E' VIETATO nelle fasce di mare di metri 200 dalle spiagge e di metri 100 dalle coste a picco, durante la stagione balneare tra le ore 08:30 e le 19:30. Al divieto generale fa eccezione: la pesca con canna esercitata da moletti e scogliere (naturali o artificiali) dinanzi ai quali non siano presenti bagnanti; l'impiego del rastrello a mano, da usarsi a piedi, il cui uso è comunque vietato nelle giornate festive, in presenza di bagnanti e nell'arco orario compreso tra le ore 09,30 e le ore 19,30.
  2. La pesca subacquea è regolamentata dagli articoli 128bis,128ter, 129, 130 e 131 del regolamento della pesca, approvato con decreto del Presidente della Repubblica 2 ottobre 1968, n° 1639, e successive modificazioni ed integrazioni. In particolare, E' SEMPRE VIETATA la pesca subacquea nelle acque antistanti le spiagge del Circondario, in presenza di bagnanti, fino ad una distanza di metri 500 dalla riva. E' VIETATO attraversare le zone frequentate da bagnanti con arma subacquea carica.
  3. Chiunque eserciti attività di pesca subacquea deve segnalare la propria presenza nei modi indicati dalla normativa vigente (bandiera rossa con banda trasversale bianca). Ogni subacqueo deve operare solo entro il raggio di 50 metri dalla verticale del segnale o della barca di appoggio.
  4. È fatto obbligo ai conduttori di qualsiasi unità di navigare ad una distanza non inferiore ai 100 metri dai segnalamenti prescritti per legge indicanti la presenza di un sub in immersione.

dall'Ordinanza di sicurezza balneare

Regole per la pesca subacquea

  1. Le immersioni con le bombole sono permesse ovunque a condizione che abbiano come scopo le riprese fotografiche o scopi scientifici.
  2. La pesca con maschera e fucile è permessa ovunque tranne nella zona delle Ghiaie, le isole di Capraia e di Montecristo e la darsena di Portoferraio.
  3. La pesca non è consentita con le bombole ma solo in apnea.
  4. Le immersioni devono essere fatte ad almeno 500 mt dalla spiaggia ed a 150 mt dalle rocce a picco.
  5. Per la pesca subacquea occorre una barca che sia nelle vicinanze del sub e la boa di segnalazione.
Richiedi un preventivo gratuito