Il giro in bici dell'anello occidentale in senso antiorario

L'anello occidentale è lungo 47 km, il percorso totale prevede il giro completo della parte occidentale dell'Elba da percorrere in senso orario o antiorario. La differenza rispetto al giro in senso orario è la difficoltà delle salite. In questo giro troviamo solo una salita impegnativa, quella che da Marciana Marina porta a Poggio. In circa 5 km di strada si sale dal livello del mare fino ai 330 metri.

La partenza è da Marina di Campo in direzione “Procchio”. Primo tratto pianeggiante fino al colle di Procchio, un piccolo strappo di poche centinaia di metri. Passato quello la discesa ci porta direttamente all'abitato di Procchio. Da lì si svolta a sinistra per Marciana Marina.

La strada che porta fino a Marciana Marina (circa 6 km) è piuttosto trafficata, quindi si consiglia di fare molta attenzione. E' un tratto di piccoli saliscendi non impegnativi che possiamo percorrere con rapporti lunghi.

Una volta giunti a Marciana Marina, in prossimità del supermercato Conad, giriamo a sinistra e troviamo l'inizio di una pista ciclabile. Da lì inizia il tratto di salita più impegnativo verso Poggio: 5 km alla pendenza media del 7% con punte fino al 12/13%.

Il primo tratto è un lungo rettilineo che porta fuori dal paese di Marciana Marina. Arrivati in prossimità del campo sportivo (sulla nostra destra) la strada inizia a salire in modo più deciso e iniziano i tornanti. A metà della salita troviamo il bivio della “Civillina” o detto anche “Le due vie”. Prendendo questa deviazione possiamo accorciare un po' la strada verso Marciana e trovare una salita più “dolce”. Nel nostro giro invece continuiamo per la strada principale verso Poggio.

Dopo aver passato il bivio della e passati altri due tornanti troviamo un po' di tregua per qualche centinaio di metri. Da qui fino ad arrivare a Poggio ci troviamo immersi nella macchia mediterranea e anche nelle giornate più assolate avremo molti tratti di zone all'ombra.

Passato il tratto più morbido si trova la parte più impegnativa, con 3 tornanti in successione e pendenze decise. Superato questo ostacolo arriviamo al paese di Poggio. Continuiamo a percorrere la provinciale passando la fonte napoleone ed il bivio per la funivia che porta sul Capanne. Un altro tratto di salita per raggiungere la sommità del nostro giro a Marciana.

Attraversato l'abitato di Marciana ci buttiamo subito in una lunga discesa che ci porterà praticamente fino a Chiessi. L'asfalto è in buone condizioni e la strada non è mai troppo frequentata, ma occorre comunque non rischiare e limitare la velocità, anche per godere del panorama, infatti molti tratti di strada sono a picco sul mare.

Passiamo il bivio di Capo Sant'Andrea, attraversiamo Patresi e Colle d'Orano. Troviamo qualche leggero tratto di salita che interrompe la discesa, ma niente di impegnativo. Una volta arrivati in prossimità di Punta Nera il consiglio è quello di fermarsi per scattare qualche foto e ammirare l'incantevole panorama che si allarga dall'isola di Capraia a Pianosa, passando per la Corsica.

Arrivati a Chiessi la discesa è finita. Riprendono adesso dei tratti alternati di leggere salite e discese, attraversando i paesini di Pomonte, Fetovaia, Seccheto e Cavoli. Questo tratto di strada, chiamato “Costa del Sole” è sicuramente fra i più suggestivi dell'isola e ci permette di ammirare le meravigliose spiagge di sabbia che la caratterizzano.

Dopo la salitella di Cavoli, si arriva a Colle Palombaia. Da qui dopo circa 3 di chilometri di leggera discesa arriviamo a Marina di Campo, dove termina il nostro giro.

Richiedi un preventivo gratuito